Equinozio di Primavera

 

L’equinozio di Primavera quest’anno si è verificato il 20 Marzo alle ore 10.37 italiane (9.37 UTC). Fin dall’antichità ha un significato profondo e ne sperimentiamo ogni anno gli effetti sul nostro corpo e sulla nostre psiche. E’ un momento di passaggio dal buio del “letargo”, del riposo, dell’introspezione alla luce della rinascita, eccitazione ed espansione verso l’esterno. Durante l’inverno abbiamo accumulato energia che ora è pronta per fiorire ed essere dispiegata nella realizzazione di nuove possibilità, nel rinnovamento e nella creatività. La spinta a individuare e compiere l’obiettivo della nostra esistenza ci arriva forte e chiara da tutti gli elementi della terra. Potremmo sentire forte il bisogno di stare all’aria aperta a contatto con tutti gli elementi e il desiderio di dar vita a nuovi progetti. Allo stesso tempo siamo come il seme appena nato. Vulnerabili. Siamo scoperti, non siamo ancora una forte pianta in grado di far fronte alle avversità. Secondo la Medicina Tradizionale Cinese la primavera è dominata dall’elemento legno, che rappresenta la capacità di manifestare la propria individualità, fare progetti, prendere decisioni.

Sin dall’antichità gli orientali concepiscono il nostro corpo come parte della natura stessa. Ogni corpo umano viene considerato un cosmo in miniatura. Una sorta di miniatura della natura. Nella natura regna un ordine preciso. Un principio di flusso costante. Tale principio che regola la natura è noto come Teoria dello Yin e Yang. Secondo tale principio una parte può essere compresa solo in relazione al tutto ed ogni fenomeno scaturisce dall’equilibrio di due forze complementari. Secondo tale principio ogni volta che una situazione si sviluppa fino alle sue estreme conseguenze essa è poi costretta a invertire il suo corso trasformandosi nel suo opposto. In origine i termini Yin e Yang indicavano i fianchi opposti di una montagna rispettivamente in ombra e in luce. Lo Yin è il principio oscuro, a cui è associato il femminile, ciò che è flessibile, ciò che sta sotto. Lo Yang è il lato luminoso, a cui è associato il maschile, la rigidità, ciò che sta sopra. Fisicamente, emotivamente, mentalmente e spiritualmente Yin guida l’energia e l’azione verso l’interno. Con l’oscurità, tendiamo adaddentrarci più profondamente all’interno del regno Yin, femminile, che nutre e accoglie, rigenera e stimola le percezioni sottili. Lo Yang è il principio che guida l’energia e l’azione verso l’esterno. Yang infatti è maschile, espressione, azione, attività fisica. Con l’Equinozio di Primavera la nostra energia si sposta verso una maggiore azione ed espressione esterna, ciò coinvolge anche un cambiamento della nostra personalità, che abbiamo coltivato con il lavoro interiore nei sei mesi precedenti. 

L’aspetto energetico

L’aspetto fisiologico

L’organo maggiormente coinvolto in questo passaggio di stagione, secondo la medicina cinese, è il fegato! Questa nuova fase energetica favorisce l’eliminazione delle scorie e l’acquisizione di nuovi nutrienti più funzionali al nostro organismo. Come farfalle, lasciamo la nostra crisalide, lasciamo ciò di cui non abbiamo più bisogno, per volare nel mondo pronto ad accoglierci. Questo passaggio, questa fioritura, può essere più o meno difficile per ciascuno di noi ad ogni nuovo anno. Modificare le proprie abitudini alimentari indirizzandole verso un’alimentazione che aiuti a depurare il fegato e a nutrire il nostro corpo con prodotti tipici stagionali aiuterà a sentirci meno affaticati, nervosi, instabili. La funzione primaria che la Medicina Cinese attribuisce al Fegato è quella di disperdere in tutto il corpo l’energia vitale (qi) e di garantire che il suo fluire sia morbido, continuo e senza intoppi; se così avviene, ne consegue che “la giusta quantità di energia giunge nel posto giusto quando serve”. Senza ristagni e senza squilibri.

La Primavera è per me una stagione bellissima, segna un nuovo fresco inizio, apertura, espressione, creatività libera di esprimersi, gioia per la vita e gratitudine per aver ricevuto questo dono… eppure molte persone, e a volte anche io, sperimentano uno stato di rabbia e irritabilità in questa fase, spesso accompagnate ad ansia e depressione, a volte anche solo momentanei e inspiegabili cambi di umore più repentini che in altre stagioni. Questo vulcano di sensazioni e stati emotivi è normale ed è dovuto alla spinta energetica che dal nostro interno cerca di uscire verso l’esterno. Nella fase iniziale però questa energia potrebbe non riuscire ad esprimersi, ad incanalarsi. Si muove al nostro interno come una pallina da flipper impazzita andando ad urtare il nostro equilibrio costruito durante l’inverno. Questa energia è come un neonato che inizia a gattonare senza una meta precisa e che talvolta va a sbattere contro gli ostacoli che la vita ci pone naturalmente e che erano li anche prima che noi iniziassimo a muoverci. Semplicemente non ne eravamo consapevoli. In questa fase è importante avere consapevolezza di ciò che ci accade. Fermarci. Osservare ciò che accade dentro e fuori di noi e il flusso che che si crea ad ogni nostra azione. La natura farà comunque il suo corso sia che noi ci affanniamo sia che osserviamo con tranquillità questo passaggio. Ciò che cambia è il nostro vissuto. Possiamo sfruttare l’energia positiva di questo momento e incanalarla nella giusta direzione o possiamo affannarci a cercare di contenerla e contrastarla con i relativi sentimenti di inadeguatezza rabbia e frustrazione che ne possono conseguire. Osserva le piante. Anch’esse sentono la nuova energia … eppure passerà ancora un mese prima che mettano le nuove foglie. Cosi tu puoi incanalare in maniera positiva questa energia per la tua vita se non la disperdi. Dal punto di vista neurologico, nei prossimi sei mesi, una quantità maggiore di luce solare inonderà il tuo cervello. La luce solare è il più importante integratore per il nostro cervello. Stimola il rilascio di serotonina che è associata all’aumento del buon umore e aiuta a sentirsi calmi e concentrati. Sedersi tranquillamente al sole 20 minuti al giorno e sentire questa nuova energia che trova il modo di sbocciare dentro di noi è fondamentalmente contrario ai modelli culturali occidentali che mirano invece alla competizione, dominazione e programmazione, ma indispensabile affinchè tu possa costruire velocemente il tuo nuovo equilibrio e percepire la direzione che desideri davvero intraprendere. 

L’aspetto emozionale

Consapevolezza corporea, emotiva e psichica

Durante questo passaggio potremmo sentire dentro di noi la spinta a “fare pulizia”. Le famose pulizie di primavera. Questa spinta è evolutivamente importante per mettere ordine in ciò che siamo e in ciò che possediamo per fare spazio al nuovo che deve arrivare. Ringrazia gli oggetti, le persone, i luoghi che senti che appartengono ormai al tuo passato ma lasciali andare … non trattenerli a te perchè a loro volta essi ti trattengono a loro e ciò si traduce in un forte immobilismo in contrasto con il periodo che ti appresti ad affrontare. Sii grato a ciò che è stato parte della tua strada e che ti ha accompagnato fino a qui. Sii grato a ciò che ti ha permesso di essere ciò che sei. Ma è giunto il tempo adesso di lasciare andare. Lascia andare anche quella parte vecchia di te in cui non ti riconosci più per fare spazio al nuovo che per definizione ancora non conosci. Lascia che tu possa esprimerti nelle molteplici possibilità che ti vengono offerte. Non limitarti in virtù di un attaccamento ad un’idea di te che ti sei costruito necessariamente ed esclusivamente su ciò che è il tuo passato e il tuo presente che nel momento in cui stiamo condividendo questo momento è anch’esso già passato. Lascia che tu possa rinascere, lascia che tu possa essere espressione di rinnovamento. Ignorare la spinta energetica e contrarre i muscoli per contenerla non ti porterà altro che tensioni psichiche e contratture muscolari. Accogli piuttosto la spinta e il cambiamento che porta con se. Senza timore. Poichè hai tutti gli strumenti dentro di te per viverlo in armonia. 

Pratica

Gli antichi nelle varie tradizioni spirituali sfruttavano questi momenti astronomici particolari come slancio per la loro evoluzione personale attraverso pratiche specifiche. Armonizzarsi in questo momento di passaggio per lavorare su se stessi mettendosi nella condizione di accogliere e far fiorire questa nuova energia dentro di sé è fondamentale. Le pratiche di questo periodo saranno dinamiche ed energiche, dedicate ad eliminare tossine, scaricare tensioni, armonizzare tutto il tuo essere e prepararti ad accogliere qualsiasi cambiamento. Se riesci ad eseguirle a contatto con la natura riuscirai a potenziarne gli effetti sul tuo organismo. Se ciò non ti è possibile concediti una passeggiata all’aria aperta almeno mezz’ora ogni giorno.

Strumento Musicale

Ascolta il suono dei tamburi per risvegliare la tua energia profonda e il suono dell’arpa per armonizzare la tua psiche.

Mudra

Apan Mudra è il mudra della Primavera! Viene tradotto come “gesto dell’energia” e questo Mudra corrisponde all’elemento Legno. L’Apan Mudra porta armonia, serenità, fiducia, equilibrio interiore e la forza necessaria per sviluppare una nuova visione. Con entrambe le mani, unisci il pollice con il medio e l’anulare, mentre le altre dita restano distese morbidamente. Siedi in posizione comoda, su una sedia o sul tuo tappetino con le gambe incrociate, eventualmente sopra un cuscino per la meditazione o sopra un mattoncino per aiutarti a stare con la schiena dritta e le anche leggermente più alte rispetto alle tue ginocchia. Puoi sederti anche su una sedia avendo comunque l’accortezza di mantenere la schiena dritta e le braccia rilassate. Respira in mondo lento, regolare e consapevole e concentrati sulla tua nuova visione. Puoi praticarlo tutti i giorni per 15 minuti una volta al giorno (o se vuoi potenziarne gli effetti per tre volte al giorno).  

Mantra

Sa Ta Na Ma un mantra per cambiare. Lo Yoga ci insegna che se vuoi fare dei cambiamenti nella tua vita devi cambiare te stesso, poiché la tua realtà interiore crea quella esteriore. Se modifichi la tua frequenza vibrazionale puoi accedere e attrarre a te una nuova realtà con vibrazioni simili alle tue nuove vibrazioni e la vecchia realtà che desideri abbandonare si allontanerà in modo naturale poichè vibra con una frequenza diversa dalla tua nuova frequenza. Il mantra inoltre aiuta a modificare la propria programmazione inconscia in modo che non possa sabotare il nostro intento conscio, poiché è la programmazione nel nostro inconscio che crea la realtà che viviamo. Questo mantra in particolare ha effetto su diverse aree del cervello: porta equilibrio totale nella psiche, pulisce l’inconscio liberandolo da vecchi schemi di pensiero e apre quindi la tua mente a nuove opportunità. “Sa Ta Na Ma” è un Mantra insegnato da Yogi Bhajan, proprio per ri-orientare la mente e quindi aprirla alla possibilità di un cambiamento nella vita. Le sillabe “Sa Ta Na Ma” richiamano i suoni primordiali dell’Universo. Quando canti il Mantra imprimi il codice evolutivo dell’Universo nella tua psiche. Significato del Mantra Sa Ta Na Ma: SA è l’infinito, la totalità di tutto ciò che è sempre stato e sempre sarà. TA è l’esistenza che si manifesta dall’infinito. NA è il cambiamento della Coscienza. MA è la rinascita

E’ molto difficile consigliare una pietra specifica tra tante esistenti, soprattutto perchè ognuno di noi ha esigenze diverse in momenti diversi. In caso tu desideri approfondire questa disciplina sarò lieta di indicarti a quali esperti puoi rivolgerti per un check-up personalizzato. Per le pratiche di questo periodo io scelgo la Malachite. La Malachite dona energia al fisico in convalescenza dopo una dura malattia ma anche dopo l’inverno.  Supporta il sistema respiratorio (utile in caso di asma, tosse, bronchite, polmonite) che sappiamo essere il nostro tallone di Achille in questo specifico momento storico come umanità. Aiuta a sgonfiare le articolazioni. Aiuta il fegato a liberarsi delle tossine. Rafforza tutto il sistema immunitario. Stimola la consapevolezza dei propri bisogni e rafforza la volontà di andare avanti senza distrazioni. Aiuta a non restare imprigionati in dolori e traumi,  ma a superarli e liberarsene. Rafforza la capacità di guardare avanti e sviluppare idee nuove. Aiuta ad affrontare il cambiamento della propria vita.  Aiuta a liberarsi dalle energie negative che offuscano la mente come la paura. Aiuta a circondarsi di affetti autentici. Aiuta a stringere nuove amicizie e ad essere più empatici. Aumenta la capacità di comprensione e consapevolezza. Aiuta ad affrontare decisioni importanti. Farà affiorare emozioni represse, sciogliere le tensioni. In meditazione viene usata per superare vecchi traumi, vissuti in vite passate. Durante la meditazione viene anche usata per entrare in trance: sembra che infatti basti fissare la pietra. Per mantenere l’ambiente pulito sia a livello energetico sia dal punto di vista dell’inquinamento nella propria abitazione si può posizionare una pietra di malachite vicino alla televisione, il microonde o il computer per assorbire le radiazioni elettromagnetiche. 

Cristalloterapia

Aromaterapia

In questo periodo ti consiglio di utilizzare Citrus Limon. E’ un olio molto conosciuto e utilizzato nell’aromaterapia. Rinforza le funzioni epatiche, favorendo anche il deflusso della bile. Disintossica dalle tossine in eccesso, stimola funzionalità di fegato e pancreas e favorisce la digestione, concorre a ripristinare una flora intestinale ottimale, contrasta i principali disturbi connessi alle disfunzioni dell’apparato digerente. A livello mentale, il profumo del Limone dona chiarezza e freschezza. La mente diventa lucida, e la stanchezza scompare. Riaccende le idee e la concentrazione, risveglia le energie vitali e toglie la pesantezza fisica e psichica. E’ in grado di indurre effetti stimolanti ed antidepressivi. Al contempo tranquillizza i nervi quando viene mescolato ad altri olii dall’effetto simile, come Lavanda, Rosa e Ylang Ylang.

Follow me!

Leggi il mio Blog

Blog

Social Media

Iscriviti per ricevere le mie news!

Telegram

Condividi la tua storia e i tuoi desideri. Scrivi le tue impressioni dopo aver letto un mio articolo, ascoltato un podcast, visualizzato un video, partecipato ad un evento o alle mie lezioni! Il tuo contributo sarà prezioso per aiutarmi a produrre nuovi contenuti interessanti per te. Leggerti sarà un po’ come compiere un viaggio per me.

Scrivimi!

[contact-form-7 404 "Non trovato"]